Nell’ambito del corso ESABAC, nei mesi di ottobre 2017 e marzo 2018 si è svolto lo scambio culturale che ha visto come protagonisti la classe 3I del nostro liceo e alcuni studenti del liceo E. Mounier di Grenoble. Tale esperienza si è articolata in due fasi distinte: dapprima gli studenti italiani hanno accolto quelli francesi per la durata di una settimana; nella seconda fase, essi stessi sono stati ospitati dai loro corrispondenti in Francia, il tutto con la peculiarità del reciproco soggiorno in famiglia, fattore che ha reso l’esperienza molto ricca, anche da un punto di vista linguistico in quanto esercitare la lingua diventava una vera e propria necessità. Il fatto di partecipare alla quotidianità dei rispettivi corrispondenti ha inoltre consentito di ambientarsi e sentirsi parte della famiglia e della scuola, sensazione che supera le modalità prettamente scolastiche di insegnamento.

Sulla scia dell’accoglienza, gli studenti bresciani coordinati dalla professoressa Alessandra Conti e dal professor Claudio Pinsi hanno guidato il gruppo francese nella visita dei luoghi più caratteristici della nostra città, impersonando figure storiche legate alle varie vie e piazze scelte sul tema conduttore della rivoluzione, approfondito in classe con lezioni di storia. Nello specifico, il soggetto della rivoluzione scientifica si è riflesso nella gita a Padova, mentre quello della rivoluzione industriale nella visita del villaggio operaio di Crespi d’Adda, esperienza che è stata positivamente integrata nel programma di alternanza scuola-lavoro. Questi momenti sono stati creativamente immortalati dai numerosi selfies scattati dai ragazzi in gruppo con i corrispondenti francesi e che sono stati oggetto di una competizione alla fine della settimana. Per concludere in bellezza non potevano mancare l’avventura della caccia al tesoro in Castello e la festa finale con tanto di cena con delitto, dove sono state gustate le pietanze italiane che i francesi hanno tanto rimpianto al rientro.

L’organizzazione francese non è stata da meno: oltre alle lezioni di storia e letteratura svolte a partire dai documenti storici (secondo il metodo francese ripreso dal nostro programma ESABAC, diploma binazionale italo-francese), si sono svolte uscite didattiche rispettivamente nella città di Lione e, a Grenoble, presso il Musée des confluences (incrocio di culture) e l’azienda SOITEC, pioniera dei materiali semiconduttori nell’industria microelettronica, visita inclusa anch’essa nel programma di alternanza. Particolarmente suggestivo è stato anche il percorso guidato in maniera interattiva dai corrispondenti francesi attorno ai principali capolavori di street art, uno dei campi in cui Grenoble si distingue a livello mondiale. Dopo l’immancabile festa finale, il mattino seguente i due gruppi di studenti, italiani e francesi, si sono separati con saluti strappalacrime, segno evidente delle amicizie instauratasi durante questa emozionante esperienza.

Un video relativo all’esperienza è disponibile all’indirizzo: video